#Amministrative2021, Di Toro, (Sindaco di Rionero): ‘attenzione alle molteplici situazioni di povertà e fragilità che la pandemia ha reso ancor più evidenti’

RIONERO IN VULTURE (PZ) – ivl24 apre la sua finestra di approfondimento verso le prossime amministrative comunali che si svolgeranno in Basilicata in questo 2021.

Oltre al “laboratorio delle idee”, incentrato sulle proposte per le comunali lauriota, il nostro direttore Giacomo Bloisi incontrerà i sindaci uscenti dei comuni lucani in cui si voterà. 

Il nostro ospite di oggi è il sindaco di Rionero in Vulture Luigi Di Toro

Sindaco, le sue aspettative per le prossime amministrative?

Cura, premura, impegno e servizio hanno costantemente ispirato il quinquennio amministrativo poiché ho fortemente avvertito l’importanza del ruolo elettivo ed istituzionale affidatomi con il compito di garantire vivibilità ed ecosostenibilità alla città. Il sindaco, consapevole di avere bisogno dell’aiuto di tutti, è la figura più vicina ai cittadini che ascolta i bisogni della comunità, ne evidenzia le criticità ricercandone soluzioni volte ad incidere sulla quotidianità. Auspico, per il bene ed il progresso sociale della comunità, una pubblica amministrazione che sia al servizio disinteressato dei cittadini, ne alimenti la speranza in un futuro migliore, ponendo particolare attenzione alle molteplici povertà e fragilità che la pandemia ha reso ancor più evidenti.


Quali sono stati i punti di forza su cui ha lavorato la sua legislatura?

La corresponsabilità e la sinergia amministrativa con gli assessori, i consiglieri comunali e con i pubblici dipendenti hanno consentito di conseguire obiettivi ad immediato, medio e lungo termine. L’espletamento delle gare d’appalto per l’affidamento dei servizi (mensa, trasporti, verde, pubblica illuminazione….) e la gestione dei rifiuti con l’avvio della raccolta differenziata con la puntuale pulizia dei luoghi pubblici, strade, parchi e del verde a garanzia del decoro urbano e quale segno di civiltà di una comunità che, responsabilmente, differenzia per contribuire a tutelare l’ambiente. Molta attenzione è stata riservata all’edilizia scolastica con la messa in sicurezza e lavori svolti e in fase di completamento su scuole dell’infanzia ed istituti comprensivi cittadini.


Quanto ha condizionato l’emergenza Covid sulla sua azione amministrativa?

Abbastanza perché ha imposto una rimodulazione delle attività ponendo al centro dell’agire la salute e la tutela della popolazione nonché il benessere di ciascun cittadino e nucleo familiare. Ciononostante, avvertivo la necessità di non tradire le aspettative del mandato elettorale e, dunque, di continuare a lavorare per il progresso ed il bene comune di progetti e realizzazioni edilizie, infrastrutturali, culturali e sociali. Preme sottolineare con soddisfazione, i responsabili e maturi comportamenti dei rioneresi che hanno consentito e consentono di cogestire l’emergenza Covid.


Come giudica il suo dialogo con gli Enti regionali e di Governo?

Credo molto nel virtuosismo interistituzionale, indispensabile per poter risolvere le problematiche del territorio cittadino e per catalizzare risorse professionali e finanziarie utili e, direi, indispensabili per concorrere allo scopo. Con autorevolezza e contestuale umiltà cerco sempre di far prevalere il dialogo, interfacciandomi costantemente sia politicamente che gestionalmente. Al di là degli schieramenti pongo al centro il bene comune con relativo e deciso impegno.


Ambiente, sviluppo e infrastrutture, come vede il suo comune tra cinque anni?

Un ritorno alla normalità con la ripresa delle relazioni umane, la fiducia in un futuro migliore ed il superamento della pandemia. Cittadini responsabili e consapevoli di contribuire in prima persona al progresso materiale e sociale della comunità, aperti al dialogo costruttivo improntato sui sani valori della nostra identità e ben radicati sui principi di pace, giustizia e democrazia. La realizzazione di progetti messi in campo durante questa consiliatura con il decollo turistico e ambientale di Monticchio con il Parco del Vulture ed il richiamo turistico enogastronomico, monumentale, culturale e sociale della nostra incantevole città.