#CaffèEuropeo | Meeting a Potenza per il progetto ‘STREM’

POTENZA – Si è svolto ieri, 27 luglio 2021, in modalità mista (cioè con la maggioranza dei partner fisicamente in presenza ed una piccola parte ancora, purtroppo, collegati online) a Potenza, il secondo meeting del progetto “Stressless Employees – Introducing the profile of Employee Satisfaction Officer to tackle work-related stress” (acronimo “STREM”), una iniziativa approvata dalla Agenzia Nazionale Erasmus Plus Tedesca come azione n.2020-1-DE02-KA202-007495 nell’ambito del programma Erasmus Plus KA2 Partenariati Strategici per la Formazione Professionale (cosiddetta VET) nel settore Innovazione.

La partnership europea, che sta sviluppando il progetto dallo scorso primo settembre 2020 e fino al 31 agosto 2022 (salvo ancora possibili proroghe legate sempre ad ulteriori situazioni di difficoltà dovute al covid-19), è composta da INITIATIVE FOR SUSTAINABLE EDUCATION AND DEVELOPMENT (Germania), YOUTH EUROPE SERVICE (Italia), STANDO LTD.  (Cipro), ASOCIACION EGERIA DESARROLLO SOCIAL (Spagna), SC MIXT SOURCE MANAGEMENT SRL (Romania) e INNOVATION HIVE (Grecia).

Siamo molto contenti di poter ospitare anche fisicamente tanti amici stranieri con i quali stiamo realizzando questo interessantissimo progetto, dopo quasi un anno e mezzo di vita praticamente sospesa e di soli meeting e training virtuali a causa della pandemia. – ha detto Antonino Imbesi, project manager dell’associazione potentina YOUTH EUROPE SERVICE – E’ il segno che piano piano le cose si stanno assestando e che, grazie alla grande azione svolta dall’Unione Europea nella lotta alla pandemia ed alla promozione e distribuzione dei vaccini, le iniziative stanno cominciando a riprendere il corso normale delle attività. Certo ci sarà ancora da soffrire per un lungo periodo ma almeno qualcosa comincia a muoversi. Questo progetto, poi, dato il tema relativo allo stress sembra proprio tarato sulle situazioni che il mondo sta vivendo in questo terribile periodo”.

Il progetto STREM, infatti, prendendo spunto dal fatto che lo stress causa spesso problemi di salute mentale ai dipendenti delle varie aziende, intende sviluppare il profilo lavorativo e le competenze di un nuova figura professionale denominata “Employee Satisfaction Officer” (ESO), che possa guidare le attività di benessere nelle imprese, al fine di migliorare il benessere dei lavoratori, e, conseguentemente, in modo esponenziale, anche le loro prestazioni professionali, riducendo le situazioni stressanti che incidono sulla qualità del lavoro svolto ma anche sulla vita delle persone.

Durante l’implementazione del progetto – ha chiarito Antonino Imbesi – è prevista la realizzazione di ben 4 prodotti intellettuali. Si tratta dello sviluppo di un Report sul benessere dei dipendenti nei vari Paesi europei (già di fatto completato nei primi mesi di attività), della creazione del Profilo dell’Employee Satisfaction Officer e dello sviluppo del relativo curriculo, a cui seguiranno ovviamente la implementazione di un Corso di formazione per addetti alla soddisfazione dei dipendenti ed una azione pilota promozionale nonché una Guida per addetti del settore. Insomma c’è tanto lavoro ancora da sviluppare ma anche tanta voglia di ripartire, sia nella attività, che nelle mobilità”.  

L’agenda dei lavori del meeting odierno prevede, infatti, la discussione proprio su come implementare i vari prodotti previsti e su quali metodologie vadano adottate nello sviluppo del lavoro da svolgere nonché sulla pianificazione delle future mobilità da realizzare, si spera sempre di più in presenza.

Maggiori informazioni sul progetto e sulle sue attività sono disponibili sia sul sito web http://www.strem-euproject.eu/ sia sulla pagina Facebook della iniziativa al link https://www.facebook.com/Project-STREM-102693358527163