Centro dialettologia, Cupparo replica a prof.ssa Del Puente

POTENZA – Su un punto sono d’accordo sulle cose dette dalla prof.ssa Del Puente, rispetto alle tante cose omesse, forse nel tentativo di giustificare comportamenti oggettivamente ingiustificabili: i lucani hanno diritto alla chiarezza e quindi di sapere.

Per noi non c’è modo migliore di quello di pubblicare la rendicontazione e gli atti pervenuti negli ultimi tempi ai nostri uffici. La prof.ssa Del Puente si ostina a difendere l’indifendibile ed a travisare la realtà, anche quando parla della gratuità degli impegni rivolgendosi proprio al sottoscritto che ha svolto per nove anni il mandato da Sindaco senza percepire volontariamente alcuna indennità.

Eppure mi sembra di essere stato chiaro: con i fondi residui attualmente disponibili il progetto in questione, sulla cui bontà nessuno si è mai permesso di muovere obiezioni, deve proseguire, ma solamente dopo la sottoscrizione di una nuova convenzione che fissi le modalità giuste di ripresa specie sotto gli aspetti amministrativi, contabili, rendicontativi e procedurali. Quel che è successo in passato l’ho già spiegato chiaramente con dati documentali pubblici inconfutabili.

Credo che questo sia quello che più interessa ai cittadini che credono nella cultura e nelle tradizioni popolari, senza individualismi e senza ergersi ad eroi o a paladini del sapere universale.

Penso sia giusto chiudere qui l’argomento alla luce anche della grave situazione pandemica che sta interessando le nostre comunità, le quali aspettano giustamente risposte immediate e concrete da chi è stato democraticamente eletto al governo della nostra regione.