Covid, guarito il Sindaco di Rotonda

Rotonda (PZ) – “Finalmente, dopo oltre venti giorni, sono guarito da questo maledetto virus. Mercoledì mi sono sottoposto al cosiddetto tampone di guarigione e ieri tarda serata mi è stata comunicata la lieta notizia. Si chiude così un brutto paragrafo. Il mio, fortunatamente, è stato un decorso lieve ma nonostante questo la febbre/febbricola, la spossatezza e i dolori muscolari non mi hanno dato tregua per una decina di giorni. Ma aldilà dei sintomi prettamente fisici, questo dannato virus ti colpisce psicologicamente. Aumenta ansie e preoccupazioni. Non è affatto, come ancora molti stupidamente urlano, una semplice influenza. Speri giorno dopo giorno che le tue condizioni non possano peggiorare o rimanere stabili. Preghi e ti preoccupi per i tuoi cari. Fino ad accogliere la comunicazione della guarigione come una grossa liberazione! Si, oltre a qualche chilo, ieri mi sono tolto un bel peso!”

Il commento del Sindaco di Rotonda Rocco Bruno.

“Ed è per tutto questo che chiedo a tutta la nostra comunità -continua il Sindaco- il massimo dello sforzo e della responsabilità. Non allentiamo la presa: mascherina e distanziamento in ogni circostanza e situazione. Evitiamo cose inutili, evitiamo visite a parenti e amici: avremo modo e tempo per farlo. Ma un lato positivo in tutta questa storia c’è: capire di essere circondato da tante persone che ti vogliono realmente bene.

Grazie di cuore a tutti coloro che mi sono stati vicini, che mi hanno scritto o telefonato. Grazie di cuore a chi si è preso cura di me. Grazie di cuore a chi mi ha fatto trovare davanti alla porta di casa piccoli ma apprezzatissimi pensieri culinari. Un grazie al mio medico curante che ogni singolo giorno mi ha contatto e tenuto, anche se a distanza, sotto controllo. Un grazie a tutti i medici e agli infermieri che in questo periodo stanno lavorando sotto una pressione incommensurabile e in condizioni estreme. Siamo una bellissima comunità. Solidale e responsabile. Rotonda ha un cuore grande così. E sono certo che insieme e uniti ce la faremo”.