Covid, il decreto è pronto: col ‘super green pass’ stretta per non vaccinati

ROMA (DIRE) – Per i vaccinati resta l’unico limite della zona rossa. Per i no vax stretta fin dalla zona bianca. E’ la filosofia che ispira il decreto sul super green pass, oggetto della cabina di regia politica che si è tenuta a palazzo Chigi. È in corso dalle 15 e 30 il consiglio dei ministri. In zona gialla e arancione, quindi, non ci saranno le chiusure delle attività commerciali. Ma vi potranno accedere solo i possessori del super green pass.

Sarà il confronto tra il governo e le regioni a decidere quando andranno in vigore le norme sul super green pass. L’ipotesi più plausibile è il 6 dicembre, come chiedono le regioni. Cts e ministero propongono il 29 novembre. Il super green pass, valido per i vaccinati e i guariti dal Covid, entrerà in vigore già in zona bianca. Mascherina all’aperto per tutti – vaccinati o no- dalla zona gialla in poi.

Per i trasporti di lunga percorrenza come l’alta velocità resta in vigore il green pass tradizionale, ottenibile anche coi tamponi. Per il tpl e per i regionali deve essere ancora raggiunta un’intesa, visto che si tratta dei mezzi di trasporto utilizzati per andare al lavoro. Sui posti di lavoro si accede con tampone.

Obbligo vaccinale dal 15 dicembre per comparto sicurezza, difesa e istruzione. Nel decreto sul super green pass che il consiglio dei ministri si appresta ad approvare non ci saranno indicazioni per la vaccinazione degli under 12. Il governo attende che siano prese decisioni in sede Ema e Aifa.

Prevista nel tardo pomeriggio di oggi la conferenza stampa del premier Draghi