Cultura e Cedro nel Natale di Santa Domenica Talao

SANTA DOMENICA TALAO (CS) – L’amore per il territorio, il filo conduttore della serata “Calabria letteraria”, organizzata da Cedroint@ur e Accademia Internazionale del Cedro, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Santa Domenica Talao, che si è svolta lo scorso 22 dicembre al Museo della Terra di Santa Domenica Talao.

L’Amore per la Riviera del Cedri, per il Parco Nazionale del Pollino, per la Calabria, hanno rappresentato e rappresentano tutt’ora la scintilla che innesca la fame di cultura di Franco Galiano, Virgilio Minniti e Francesco Impieri. Da un lato la forza di portare avanti un discorso culturale a suon di opere, dall’altro la voglia di proseguire su questa scia divulgando in maniera itinerante e promozionale la cultura del Cedro, il sacro agrume che identifica un territorio e che rappresenta economia, turismo, eno gastronomia e religiosità della quotidianità delle comunità di un pezzo di Calabria.

Dopo i saluti del Sindaco di Santa Domenica Talao Alfredo Lucchesi, che ha fatto un cenno del recente gemellaggio con Santo Domingo e sulle possibili relazioni commerciali che possono investire anche il settore cedro da qui a breve, il primo cittadino ha anche annunciato l’imminente riconoscimento per Santa Domenica Talao di Borgo del Benessere. Altro traguardo che rientra nel progetto di crescita di un territorio dalle grandi potenzialità. All’incontro, a cui hanno preso parte anche il vice sindaco Raffaele Pandolfi e il Presidente della Pro Loco Valeria La Greca, è quindi intervenuto il protagonista annunciato, il Prof. Franco Galiano, saggista e grande cultore del cedro, che ha presentato le due opere: Epifania Mediterranea e I Borghi tra il Pollino e la Riviera. Uno spaccato di quotidianità calabrese tra descrizioni e versi, una Calabria dipinta in maniera acuta ed elegante che fa emergere tutte le caratteristiche di una regione unica in tutte le sue versioni. Galiano è partito dalle origini, raccontando le sue esperienze giovanili nel Veneto, alla passione per il teatro, la storia, le tradizioni, l’amore per il cedro. Interessanti anche gli interventi del pubblico che hanno favorito lo sviluppo di un dialogo ricco di spunti e che ha evidenziato la ricchezza espressa in passato dal borgo di Santa Domenica Talao dove fiorente era il settore agricolo con ottime produzioni di olio, vino e, appunto, cedro e grandi allevamenti ovini e bovini . E’ toccato poi a Virgilio Minniti parlare della neonata associazione Cedroint@ur, l’impegno nel divulgare in maniera itinerante la cultura del sacro agrume, coinvolgendo la scuola attraverso seminari di studio, mostre fotografiche e valorizzando luoghi quali il Museo della Terra, attraverso le sinergie con Enti ed altre associazioni. Mostre, itinerari turistici e altri appuntamenti nel calendario di lavoro di Cedroint@ur.

 “Ringraziamo il Sindaco Alfredo Lucchesi e l’Amministrazione comunale di Santa Domenica Talao – comunicano gli organizzatori –  sempre sensibili e coraggiosi ad investire in ambiti dove molte volte non è sufficiente seminare tanto per raccogliere qualche frutto. Per noi l’appuntamento celebrato è un punto di partenza importante, un segnale, perché come ha sostenuto il Prof. Galiamo, da una fiammella può svilupparsi un fuoco ardente. Proprio quel fuoco che abbiamo dentro per dare tanto ad un territorio che deve essere valorizzato per come merita. Abbiamo un tesoro che abbiamo il dovere di far brillare per noi e per le future generazioni”.