De Maria: ‘ripristinare al più presto i servizi del centro di salute mentale a Lauria’

LATRONICO (PZ) – “Ieri ho mandato una lettera al direttore generale dell’Asp e per conoscenza anche all’assessore regionale Rocco Leone per i disagi che si stanno avendo con i servizi ridotti del centro di salute mentale a Lauria a causa del suo inaccettabile attuale depotenziamento. Il centro di salute mentale è una delle strutture rilevanti dell’assistenza psichiatrica nel Dipartimento Salute Mentale poiché si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione delle persone affette da disturbi psichici. Per la legislazione di settore ( DPR 94-96 e 98-2000 ) il CSM deve essere aperto 12 ore al giorno, dal lunedì al sabato per consentire l’accesso diretto ai pazienti in crisi e per poter gestire le urgenze territoriali , al di là’ delle visite programmate”.

È quanto riferito in una nota stampa dal sindaco di Latronico Fausto De Maria.

“Il CSM di Lauria dal mese di giugno 2021 e’ aperto soltanto al mattino per grave carenza di psichiatri e conseguente depotenziamento delle attività istituzionali . Uno psichiatra da più di un anno si è trasferito per mobilità in altra regione e non e’ stato sostituito ; un altro psichiatra è stato assegnato per nuovo incarico ad altra struttura del P.O. Di Chiaromonte senza una parallela sostituzione”, scrive il primo cittadino latronichese.


“Al CSM di Lauria è collegato un Day hospital per i ricoveri di pazienti in fase subacuta; un centro diurno per pazienti con misure di sicurezza; ambulatori periferici e di genere aperti nelle ore antimeridiane che hanno richiesto di ottimizzare le risorse concentrandole al mattino con necessaria chiusura pomeridiana del servizio . Non è possibile depauperare una struttura territoriale che fa da filtro ai ricoveri, che ha la presa in carico e la gestione di pazienti gravi e complessi, che deve assicurare continuità terapeutica e progetti personalizzati , in un momento in cui la pandemia da COVID ha determinato un aumento di disturbi ansiosi e depressivi”, afferma ancora De Maria.

“Oggi il rischio è che il CSM perda le sue funzioni e sia ridotto a mero ambulatorio specialistico; che le persone non ricevano le risposte ai loro bisogni e che la salute mentale non sia tutelata. È urgente e non più procrastinabile sostituire nel CSM di Lauria i due psichiatri che operavano e che si sono trasferiti, per consentire l’apertura del servizio a 12 ore.Speriamo che al più presto si possa risolvere questa problematica”, conclude il sindaco di Latronico.