Dimensionamento scolastico, congiunta terza e quarta Commissione

Presentato dalle Commissioni un documento con le proposte sul Piano di Dimensionamento della Rete delle Istituzioni scolastiche. Audito l’Assessore regionale allo “Sviluppo economico, Lavoro e Servizi alla Comunità”

POTENZA – Altra riunione congiunta della terza (Attività produttive, Territorio e Ambiente) e quarta Commissione (Politica sociale), presiedute, rispettivamente, dai consiglieri Roberto Cifarelli e Gino Giorgetti per affrontare il tema concernente il Piano di Dimensionamento della Rete delle Istituzioni scolastiche. In audizione l’assessore alla “Sviluppo economico, Lavoro e Servizi alla Comunità”, Michele Casino.

L’assessore Casino ha riferito che con il Decreto, cosiddetto Milleproroghe, approvato dal Consiglio dei Ministri, sono state previste altre due dirigenze scolastiche per la Basilicata e che l’indirizzo del governo regionale è quello di destinarle alle grandi città, spalmandole su Potenza e Matera, anche in ossequio alla tutela delle aree interne, diminuendone il disagio. Condiviso dalle Commissioni un documento con le proposte illustrate dai consiglieri e, quindi, inviato all’assessore Casino ed al dirigente generale del dipartimento “Sviluppo economico, Lavoro e Servizi alla Comunità”, Canio Alfieri Sabia.

“Le Commissioni terza e quarta congiunte – si legge nel documento – dopo aver audito l’Assessore al ramo Casino, ritengono di attribuire una dirigenza a testa (tra quelle aggiunte dal cd. decreto Milleproroghe) alle due Province: 

1)   a Matera, rendere autonomi l’IC “Semeria” e l’IC “Minozzi” che mantengono la loro integrità e, pertanto, anche il plesso “Semeria” di La Martella rimane nel medesimo Istituto comprensivo “Semeria”;

2)   alla Provincia di Potenza valutare l’attribuzione della dirigenza per:

a)    soddisfare l’istanza IPSASR “G. Fortunato” di cui alla nota prot. n. 4 del 2 gennaio 2024, di mantenere la dirigenza scolastica a Potenza con le sedi coordinate di Lagopesole e Sant’Arcangelo al fine di mantenere il polo agrario della provincia di Potenza;

b) mantenere l’autonomia dell’IIS “Righetti” di Melfi rispetto all’accorpamento con l’IIS “Gasparrini”.

Sugli istituti comprensivi – continua il documento – si propone di:

a)    attribuire la dirigenza all’IC “Monsignor Caselle” di Rapolla anziché all’IC “Giovanni XXIII” di Barile, in quanto Rapolla comune con maggior numero di iscritti e maggiormente baricentrico;

b)   accorpare le scuole del Comune di Latronico nell’IC “Lentini” di Lauria anziché con l’IC “Don Bosco” di Francavilla sul Sinni come richiesto dal Comune;

c)    attribuire la dirigenza all’IC “Isabella Morra” di Valsinni anziché all’IC “Albino Pierro” di Tursi, in quanto l’IC “Morra” ha un maggior numero di iscritti e la citta di Valsinni risulta baricentrica;

d)   accorpare gli alunni dell’IC di Miglionico all’IC “Fermi” di Matera come richiesto dal Comune;

e)    correggere il refuso relativo all’istituto omnicomprensivo di Tricarico per cui vengono computati nel numero complessivo gli alunni della Ragioneria di Grassano ma non viene menzionato l’Istituto;

f)     su richiesta del Comune di Filiano si propone di accorpare gli alunni delle scuole di Filiano con quelli di Avigliano anziché con quelli di Atella.

Quanto alla richiesta del Comune di Tramutola –recita il documento – la normativa nazionale e, conseguentemente, quella regionale, volgono verso la riduzione del numero degli istituti omnicomprensivi. Sarebbe, altresì, antitetica rispetto ai criteri previsti dalla D.G.R. n. 759 del 22/11/2023 che individua nel principio numerico e nel criterio del comune baricentrico la ratio per la individuazione della sede ospitante la dirigenza.

Sugli Istituti superiori di II° grado le Commissioni propongono di:

a)    valutare la richiesta dell’IIS “Morra” di Matera di attivare l’indirizzo professionale “Arti ausiliarie delle professioni sanitarie: ottico”;

b)   non attribuire il nuovo indirizzo “Grafica e comunicazione” all’IIS “G. Fortunato” di Rionero in Vulture in quanto tale indirizzo è già presente in un IIS di Melfi che insiste nello stesso distretto.

Il Consigliere Fuina – riporta, in conclusione, il documento – propone la seguente ridistribuzione:

1)   la fusione dell’IIS “Fermi” di Policoro con l’IIS “V. Bachelet” di Nova Siri con dirigenza a Policoro;

2)   la fusione dell’IIS “Pitagora” di Montalbano Jonico, privo di Nova Siri, con l’IIS “Fortunato” di Pisticci con dirigenza a Pisticci;

3)   la fusione dell’IIS “Pitagora” di Policoro con l’IIS “M. Capitolo” di Tursi con dirigenza a Policoro”.

La Giunta dovrà approvare il Piano di Dimensionamento scolastico entro il 5 gennaio e trasmetterlo al Ministero.

Hanno partecipato ai lavori della Commissione congiunta i consiglieri Cifarelli (Pd) e Giorgetti Gm), Bellettieri (Fi), Leone (Fdi), Leggieri (M5s), Coviello (Fdi), Perrino (M5s), Trerotola (Pl), Braia (Iv), Aliandro (Fi), Fuina (Lega), Baldassarre (Idea), Polese (Iv), Merra (Gm).