Ieri l’autopsia sul corpo di Dora Lagreca, giovedì i funerali. Intanto proseguono le indagini

POTENZA (TgR Basilicata) – E’terminata intorno alle 18.30 di ieri l’autopsia sul corpo di Dora Lagreca.


Da quanto filtra dalle indiscrezioni, l’esame obiettivo effettuato dai periti nominati dal Pm Chiara Guerriero, il professor Biagio Solarino, anatomopatologo del Policlinico di Bari e dal dottor Aldo Di Fazio, primario del reparto di Medicina legale del San Carl,  dove si è svolto l’accertamento, non avrebbe evidenziato segni di una colluttazione e in particolare ematomi di tipo figurato, del tipo che si genera quando si riceve un colpo.


Evidenti, invece, i segni della caduta da un’ altezza considerevole. Anche in questo caso, i segni tipici di un impatto su un suolo morbido. La ragazza è caduta nel giardinetto condominiale.
Niente fratture diffuse, tipiche di una caduta su asfalto o cemento, ma lesioni con emorragie agli organi interni.


I periti della procura, insieme a quello del ragazzo indagato, il professor Giovanni Zotti, responsabile dell’Unità di Medicina Legale dell’Ospedale di Salerno e senza che la famiglia della vittima abbia nominato nessun perito, in precedenza avevano fatto un sopralluogo nell mansarda teatro dell’incidente, per conoscere i luoghi e poter verificare la compatibilità delle lesioni con la ricostruzione dell’accaduto. 


I primi rilievi fatti sul corpo saranno approfonditi nei prossimi giorni, anche con una più attenta analisi delle immagini riprese. Sempre nei prossimi giorni saranno effettuati anche i test tossicologici che la Procura ha chiesto ad ampio spettro, su alcool, sostanze psicotrope e anche farmaci. La relazione conclusiva, non prima di 60 giorni.


In un paio di settimane, invece, dovrebbero arrivare i rilievi fatti dal Ris, entrati anche nella sala dell’autopsia per prelevare i dati biometrici della vittima. Nella mansarda hanno fatto una ricognizione dei luoghi, rilievi col luminol alla ricerca di tracce di sangue o biologiche, e ricerche di impronte. E proprio per preservare eventuali impronte dalla pioggia, peraltro già caduta nei giorni scorsi, hanno deciso di asportare la soglia del parapetto da cui la ragazza è caduta. 
Secondo l’avvocato Domenico Stigliani, legale di Capasso, che avrebbe assistito ai rilievi dall’uscio dell’appartamento, in casa non c’era alcun segno visibile di colluttazione.


Intanto, all’ospedale San Carlo di Potenza si è svolta nel pomeriggio l’autopsia sul corpo della giovane. 
L’avvocato Renivaldo Lagreca, legale della famiglia di Dora, ha spiegato di aver presentato in procura una richiesta formale per assicurarsi che siano effettuati tutti gli esami necessari, compresa una valutazione dello stato di salute precedente. 


I funerali, fissati per giovedì mattina ad Arenabianca, frazione di Montesano sulla Marcellana, nel salernitano, da dove la famiglia chiede sia fatta luce su quanto accaduto.

Unico indagato rimane il fidanzato della giovane 30enne per istigazione al suicidio