La corilicoltura arriva a Lauria grazie a due giovani imprenditori

Un posto incantevole di Lauria fa da cornice ad un’iniziativa unica nel territorio valnocino. Due giovani laurioti Ivan Rossino e Giuseppe Limongi hanno colto la grande occasione che la Regione Basilicata ha lanciato da 4 anni a questa parte. Tutto è iniziato nel 2015 quando fu firmato l’accordo dal Presidente Marcello Pittella tra Regione Basilicata, Ferrero ed Ismea (D.G.R. n. 273 del 09/03/2015) con cui ci sarebbe stato un impegno alla strutturazione ed al sostegno della filiera corilicola in Basilicata. Da allora è iniziato un lungo percorso in cui diverse aziende pilota hanno confermato la riuscita di questa coltivazione in terra lucana, è stata elaborata la mappa di vocazionalità dei suoli adatti ed è stata costituita la rete di impresa come organizzazione di produttori. Tra questi, la tenuta “I Giardini di Re Salomone” con due ettari di noccioleto ha deciso di entrare in questa filiera con i rischi del caso.

“Il pensiero di produrre dei frutti provenienti da questo terreno che potranno arrivare sulle nostre tavole in un Ferrero Rocher sarebbe la nostra gioia più grande”, questo il grande obiettivo e sogno di Ivan e Giuseppe per cui hanno deciso di rimboccarsi le maniche. Questo può fungere da esempio per investire nell’area sud-ovest lucana, dove sono state attivate altre possibilità quali la “filiera delle erbe officinali”, con una ricaduta positiva nel settore economico, ambientale e sociale.

“In una cornice straordinaria – le parole del ViceSindaco Gagliardi presente al taglio del nastro – abbiamo respirato l’aria del coraggio, della intraprendenza e dell’entusiasmo di Ivan e Giuseppe. A loro vanno i nostri migliori auguri affinché questo sia solo l’inizio di una nuova imprenditoria che punti sul nostro meraviglioso territorio.”