Lagonegro, Di Lascio risponde a Brigante: ‘nota inadeguata e maldicente

Lagonegro (PZ) – Dopo la lettera del consigliere di opposizione Brigante ecco di seguito la risposta della Sindaca di Lagonegro Maria Di Lascio.

Il Sindaco di Lagonegro, con la neo eletta maggioranza, esprime vicinanza e solidarietà a S.E. Mons. Vincenzo Orofino, Vescovo della Diocesi di Tursi-Lagonegro, coinvolto inopportunamente da un Consigliere di minoranza in una “querelle” esclusivamente elettorale, sostenendo che i festeggiamenti in onore della venerata Madonna di Sirino sarebbero stati offuscati dagli auguri rivolti al nuovo Sindaco di Lagonegro e ai Consiglieri eletti.
La nota, inadeguata e maldicente, indirizzata pubblicamente al nostro Vescovo, è un’offesa rivolta, pertanto, a Mons. Orofino e a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, a coloro che sono tutti i giorni alla continua ricerca di Dio e che con fede sincera si affidano alla protezione di Maria Ss. ad Nives del Monte Sirino.
Il Consigliere di minoranza, peraltro assente alla celebrazione eucaristica tenutasi lo scorso 27 settembre, non è stato informato (o è stato male informato) del fatto che S.E. Orofino abbia rivolto il suo saluto non solo alle neo eletta Sindaco di Lagonegro e ai Consiglieri di maggioranza, ma anche ai Consiglieri di minoranza presenti, augurando buon lavoro a tutti per il bene della comunità.
Crediamo che i cittadini, cattolici e non, di Lagonegro si sentano offesi e amareggiati delle contumelie rivolte al Vescovo Orofino.
Chiediamo, pertanto, ai redattori dell’invettiva, grondante livore a causa della sconfitta elettorale, di chiedere pubblicamente scusa al nostro amatissimo Vescovo, sicuri che in cuor suo S. E. li abbia già perdonati.

nota di Brigante: