LAURIA DENUCLEARIZZATA. La firma di tutti i capigruppo di LAURIA

Nella giornata di ieri tutti i capigruppo consiliari di Lauria hanno firmato e presentato un ordine del giorno che sarà discusso nel prossimo consiglio comunale lauriota per dire no, senza se e senza ma, al deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e parco tecnologico ex d.lgs. n. 31/2010 in Basilicata.
I capigruppo firmatari del documento: Mimino RICCIARDI (Partito Democratico), Fabrizio Rocco BOCCIA (Partito Socialista), Antonella VICECONTI (Insieme per Lauria), Francesco OSNATO (Tradizione e Innovazione), Mariano LABANCA (Progetto Lauria) e Raffaele IELPO (Gruppo Misto) chiedono:
• di dichiarare la totale contrarietà all’individuazione del territorio della regione Basilicata come sede di Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico così come ipotizzato dalla proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (Cnapi) pubblicata sul sito www.depositonazionale.it;
• di ritenere denuclearizzato il proprio territorio;
• di dare mandato al Sindaco a produrre nelle sedi preposte, per il tramite degli uffici ed entro i termini previsti dal procedimento, tutte le osservazioni utili a comprovare l’inidoneità dei territori del Comune di Lauria come sede di Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico in quanto in contrasto con i “Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività” pubblicati da ISPRA nella Guida n. 29;
• di dare mandato al Sindaco di supportare secondo le necessità i governi regionali di Basilicata e Puglia nella messa in campo delle conseguenti azioni procedimentali e di interlocuzione col governo nazionale, nel rispetto dei territori e dei diritti fondamentali dei cittadini;
• di dare mandato al Sindaco a rappresentare gli interessi del Comune di Lauria in qualunque sede per tutte le azioni utili allo scopo di scongiurare qualsiasi decisione che porti alla realizzazione del Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico in Basilicata.