Lettera al Ministro degli Interni da parte delle 12 famiglie sfollate dal rione Giardelli di Maratea

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO la lettera che gli sfrattati del rione Giardelli hanno inviato al Ministro dell’Interno Lamorgese, al Prefetto di Potenza Dott. Annunziato Vardè,al Questore di Potenza Dott. Antonino Pietro Romeo, al Presidente Regione Basilicata Dott. Vito Bardi, al Sindaco del Comune di Maratea Avv. Daniele Stoppelli, all Amm. Unico ATER Potenza Avv. Michele Busciolano e al Comandante Stazione C.C. Maratea, il Luogotenente Rocco De Pietro

MANIFESTAZIONE PUBBLICA DI PROTESTA DELLE 12 FAMIGLIE DI SFOLLATI DAGLI ALLOGGI ATER SITI NEL RIONE GIARDELLI DEL COMUNE DI MARATEA PER GIORNO VENERDI 10 LUGLIO P.V. ALLE ORE 10,00.

MARATEA (PZ) – Gent.ma Ministra degli Interni, dott. ssa Luciana Lamorgese, ci vediamo costretti a rivolgerci a Lei di fronte all’ignavia, all’insipienza e al silenzio indifferente del Sindaco di Maratea che fa “orecchie da mercante”, nonostante le pressioni del Prefetto di Potenza, della Regione Basilicata, dell’Ater di Potenza e le nostre numerose istanze che da circa un anno inviamo a tutti.

Motivo per cui ci vediamo costretti anche ad indire una pubblica manifestazione di protesta per far ascoltare le nostre giuste ragioni rispetto al dramma che stiamo vivendo da alcuni anni, nella

indifferenza più assoluta degli attuali responsabili della cosa pubblica del nostro territorio. Siamo 12 (dodici) famiglie del rione Giardelli di Maratea sfrattate dalle case a loro assegnate dal Comune. A causa del dissesto idrogeologico che investe l’area di sedime dei fabbricati Ater in località Giardelli del Comune di Maratea, su richiesta della stessa Ater, il Comune emise in data 12.11.2014 una prima ordinanza sindacale, disponendo lo sgombero di 8 alloggi. Successivamente, nell’aprile 2019, emise una nuova ordinanza di sfratto per altri 5 alloggi.

A seguito delle ordinanze il Consiglio Regionale di Basilicata, con Delibera nr. 466 del 19 luglio 2016, autorizzò l’Ater di Potenza ad utilizzare € 980.000,00 di fondi residui per l’acquisto e la realizzazione di alloggi per l’edilizia pubblica da mettere a disposizione delle sopracitate famiglie. Nelle more della realizzazione degli alloggi la Regione Basilicata, con la medesima delibera, autorizzava l’erogazione di contributi economici per € 120.000,00 in favore degli assegnatari degli alloggi sgomberati quale contributo per il pagamento dei canoni di locazione delle abitazioni nel frattempo utilizzate. L’Ater di Potenza in data 28.10.2016 acquistava, su proposta dell’Amministrazione Comunale di Maratea, un immobile realizzato solo parzialmente, in località Piazza Europa e presentava il relativo progetto che, per il suo completamento, prevedeva una variante allo strumento urbanistico per cambio di destinazione d’uso, da albergo ad alloggi di edilizia residenziale pubblica. Variante approvata all’unanimità dal precedente Consiglio Comunale di Maratea nella seduta del 22 novembre 2018 utilizzando, stante l’urgenza, la procedura semplificata.

In data 21 giugno 2019 l’Ufficio Urbanistica e Pianificazione Territoriale del Dipartimento Ambiente ed Energia della Regione Basilicata restituiva la documentazione al Comune, ritenendo che la “variante allo strumento urbanistico per cambio di destinazione d’uso dovrà seguire le modalità ordinarie e non la procedura semplificata dell’articolo 36 comma                                                          6       bis”. Da allora, nonostante le ripetute sollecitazioni con ben 6 lettere, nessun passo avanti è stato fatto e nella sua unica risposta, del 30 gennaio 2020, il Sindaco di Maratea ha dichiarato di “aver richiesto ai propri uffici una relazione” e “sino alla ricezione di tale documentazione, non potrà assumere alcuna decisione”. Intanto l’Ater di Potenza, con determina del Direttore nr 31/2020, ha comunicato alle 12 famiglie sgomberate, l’esaurimento delle risorse stanziate dalla Regione Basilicata nel 2016 e dal mese di giugno u.s. non ha più erogato il rimborso per i fitti.

Da ultimo, in data 08 giugno u.s. avevamo richiesto, speranzosi, al Prefetto di Potenza, dott. Annunziato Vardè, di organizzare un incontro tra tutti gli attori interessati alla vicenda indicando, attraverso l’utilizzo dell’ex macello da tempo abbandonato in località Santa Maria, la soluzione anche per gli altri tre alloggi mancanti. Ma anche in questo caso siamo stati ignorati.

Alla luce di quanto sin qui esposto, del lungo tempo trascorso e dell’esaurimento dei fondi, con la presente istanza a Lei rivolta e la manifestazione indetta per il 10 luglio, intendiamo richiedere:

  • al Sindaco del Comune di Maratea, che da più di un anno non assume nessuna decisione sulla richiesta di cambio di procedura avanzata dall’Ufficio Urbanistica della Regione Basilicata nonostante le continue sollecitazioni avute da parte della Regione, dall’Ater di Potenza, dalle famiglie interessate e da parte del Circolo PD di Maratea, l’evasione di tale richiesta;
  • alla Regione Basilicata, il rifinanziamento del fondo per il rimborso dei canoni all’Ater in favore degli sfollati del rione Giardelli .

Per tali motivi e per far assumere le decisioni conseguenti al Sindaco ed alla Regione, che da pubblici amministratori e rappresentanti del popolo dovrebbero dare risposte alla parte più indigente della popolazione, siamo costretti a rivolgerci a Lei in qualità di Ministro degli Interni affinché intervenga autorevolmente per la risoluzione della vicenda ,e ad organizzare una pubblica manifestazione di protesta che, rispettando tutte le normative anti Covid-19, si svolgerà giorno 10 luglio p.v. con le seguenti modalità:

  • ore 10,00 raduno in piazza Europa in prossimità del fabbricato di proprietà dell’Ater;
  • ore 10,30 partenza del corteo da piazza Europa in direzione del palazzo comunale attraversando le strade del Centro di Maratea: strada Molo Piccolo, strada S. Maria delle Grazie, via Croce, corso Garibaldi, via Unità d’Italia per giungere in piazza Vitolo;
  • ore 11,00 presidio davanti al Municipio in Piazza Vitolo con pubblica testimonianza dei soggetti coinvolti;
  • ore 13,00 termine della manifestazione.

Confidando in un suo interessamento al fine di evitare la pubblica manifestazione di protesta, Le inviamo distinti saluti

Il Segretario reggente del Circolo PD di Maratea   Vito Tedesco

  Le famiglie sfrattare, Limongi Gianfranco, Limongi Patrizia Burbo Maria, Liberatore Maria Assunta Trombino Elvira, Di Flora Pina

In rappresentanza delle famiglie:Maimone Rosetta, Maisto Domenico Giovanni Spagnuolo, Vincenzo Panza   Montesano Carminella, Limongi Felicia Martino Orazio, Pecoraro Maria Filomena