Per Vogue la Basilicata è una delle destinazioni turistiche d’eccellenza per il 2023

MARATEA (PZ) – La Basilicata è tra le 12 migliori destinazioni al mondo da visitare nel 2023. Lo dice la prestigiosa rivista “Vogue”, che in questo fine anno ha inserito la Basilicata nella sua speciale short List insieme a Giappone, Scozia, Patagonia, Singapore… Non si tratta solo di destinazioni già famose, ma come dice il managing director di Virtuoso, il principale network al mondo per il turismo di lusso, a creare tendenza oggi sono anche le vacanze “intenzionalmente isolate”, in luoghi remoti e poco abitati, per lasciarsi tutto alle spalle.

“L’inserimento della Basilicata nella selezione più esclusiva della prestigiosa rivista Vogue, nella sua edizione internazionale, ci inorgoglisce perché significa che non abbiamo seminato invano. È un risultato che appartiene a tutte le istituzioni e a tutti gli operatori della filiera turistica lucana, ma al tempo stesso ci consegna ulteriori responsabilità. Dobbiamo rafforzare il nostro operato, coordinandoci nella realizzazione e nella promozione di un’offerta turistica di qualità, con una crescente vocazione internazionale, andando incontro alle preferenze di un mercato che esiste e che ci dedica sempre maggiore attenzione”, afferma il direttore generale di Apt Basilicata, Antonio Nicoletti.

“Come esploratore ossessivo dell’Italia meridionale – scrive Liam Hess, redattore di Vogue – la mia scommessa va sulla Basilicata come regione emergente da tenere d’occhio (e idealmente da visitare) nel 2023. I viaggiatori potrebbero già conoscere le antiche grotte, le tortuose salite e le chiese barocche di Matera — la città è stata anche lo sfondo di un adrenalinico inseguimento automobilistico nel più recente film di Bond, No Time to Die — ma questa regione ancora da scoprire vanta anche spiagge incontaminate, una storia affascinante e frutti di mare freschi da leccarsi le dita. Cercate la base perfetta? Dirigetevi verso Maratea, la cosiddetta “perla del Tirreno”.

Vogue è la più importante rivista nel settore della moda e del Lifestyle. I suoi numeri sono da capogiro: l’edizione cartacea è letta ogni mese da 22,5 milioni di persone, l’edizione digitale da più di 80 milioni di lettori (visitatori unici), mentre sui social è seguita da 167 milioni di followers.

Salerno (Consorzio Turistico Maratea): “investitura che rafforza il nostro impegno per un ritorno alla normalità”

L’investitura per la Basilicata di «destinazione turistica 2023», arrivata dal prestigioso magazine «Vogue», con l’invito a visitare la nostra regione e a venire in vacanza a Maratea, rafforza l’impegno che come Consorzio insieme ad altri comitati e associazioni perseguiamo perché nel più breve tempo possibile sia ripristinata la viabilità necessaria ad accogliere i turisti e a ripristinare le condizioni di normalità per i cittadini di Maratea. Ad affermarlo è Biagio Salerno, presidente Consorzio Turistico Maratea. L’autore del servizio giornalistico della rivista – il giornalista Liam Hess – indica Maratea come “base perfetta” del viaggio in Basilicata. Ovviamente per confermarsi “base perfetta” c’è bisogno di garantire perfette condizioni di viabilità, trasporto, servizi per flussi turistici, specie stranieri, che richiedono sempre più servizi moderni ed adeguati ai differenti target. Ancora una conferma, ammesso che ce ne fosse bisogno – sottolinea Salerno – di fare in modo che tutto sia pronto dalla primavera per accogliere i nostri ospiti. Non vogliamo neanche immaginare cosa accadrebbe se solo uno dei milioni di lettori di “Vogue” raccogliendo l’invito arrivasse nel tratto di strada bloccata e in un contesto per nulla ottimale. E se vogliamo realmente preservare il paesaggio e l’ambiente descritti nel servizio giornalistico e considerati gli autentici attrattori con aspetti unici, dobbiamo contrastare la riapertura del depuratore di San Sago (tra Tortora e Trecchina), destinato a smaltire rifiuti liquidi pericolosi e non pericolosi provenienti dalla Calabria e dalla Basilicata, ma anche da altre regioni. Noi operatori turistici – conclude il presidente del Consorzio – da sempre siamo con il comitato per la difesa del fiume Noce, con i sindaci dell’area in prima fila e partecipiamo alle nuove iniziative di mobilitazione. Accade infatti che c’è chi promuove le bellezze di Maratea e della costa tirrenica lucana e calabrese e chi invece fa di tutto per distruggerle. Noi, con i  cittadini, non lo consentiremo