Potenza Città universitaria, il Sindaco ha incontrato il Consiglio degli studenti Unibas

POTENZA – “Potenza vuole essere sempre di più una città universitaria e, affinché si possa raggiungere questo obiettivo, il confronto con gli studenti dell’Unibas è un elemento imprescindibile”. Questa la dichiarazione del Sindaco di Potenza Mario Guarente al termine dell’incontro avuto, nella sala dell’Arco del Palazzo di Città, con il presidente, Davide Di Bono, e una delegazione del Consiglio degli Studenti dell’Università di Basilicata. “Era un preciso impegno che avevo assunto in occasione della cerimonia per il quarantesimo anniversario dell’Unibas, e che intendo portare avanti. Questo primo confronto vuole essere una risposta concreta a quel ‘Fate presto’ che è risuonato nell’aula magna dell’Università, davanti al nostro Presidente della Repubblica.

Cominciamo da oggi un periodo di collaborazione assidua, con incontri mensili, un percorso che mi vedrà impegnato, insieme al vicesindaco Michele Napoli e alla Giunta, che prenderà le mosse dal protocollo d’intesa Unitown” ha spiegato il Sindaco facendo riferimento al documento sottoscritto, oltre che dal Sindaco stesso, dal Magnifico Rettore dell’Università degli Studi della Basilicata, Ignazio Marcello Mancini. “Le Università sono luoghi di cultura fondamentali per lo sviluppo dei territori, – ha evidenziato il presidente Di Bono – in una regione in emergenza demografica, i circa quattromila studenti Unibas di Potenza sono degli attori economici e culturali importanti, per questo motivo vanno integrati al meglio nel tessuto cittadino, con un’offerta di servizi che sia sempre più adatta alle loro esigenze. Migliorare la vita degli universitari potentini può stimolare ancora di più in loro l’intenzione di partecipare attivamente alla crescita sociale e culturale della città. Consentire nel modo più agevole possibile ai giovani di formulare proposte e di realizzare attività, renderà più saldo il collegamento tra la comunità cittadina e quella universitaria”.

Tra le richieste avanzate dagli intervenuti, la necessità di spazi pubblici messi a disposizione degli studenti per occasioni di incontro e attività socio-culturali, favorire la promozione di appuntamenti culturali, attraverso l’agevolazione dell’iter burocratico necessario alla realizzazione delle iniziative, misure a favore della residenzialità universitaria in città, miglioramento e implementazione del collegamento, attraverso il trasporto pubblico, da e per i due poli universitari cittadini, quelli di Macchia Romana e via Nazario Sauro, la riqualificazione del parcheggio antistante la sede di Macchia Romana, con l’installazione di colonnine di ricarica per auto elettriche.