“Prigionieri di una frana… di amministrazione”: Lettera aperta del Comitato “Mo Basta” al sindaco di Maratea Daniele Stoppelli

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO a nome del Comitato “Mo Basta” di Maratea la “lettera aperta” indirizzata al Sindaco di Maratea, Daniele Stoppelli in merito alla strada SS18 di Castrocucco ancora chiusa per le festività pasquali

MARATEA (PZ) – Gentile Sindaco Stoppelli, Pasqua è arrivata e la riapertura della strada da lei annunciata per questa data rimane un lontano miraggio. Non solo la strada non sarà nuovamente accessibile per le feste, ulteriore danno enorme per operatori del turismo e per tutti noi cittadini già in ginocchio, ma come sempre ci impone il suo assordante silenzio.
Sindaco, forse non si rende conto di quanto la mancanza di dialogo con la popolazione generi frustrazione, sospetto e rabbia crescente. Ormai il problema non è più “soltanto” la SS 18. Le sue mancate comunicazioni, ci creda, pesano molto più dei 400 metri cubi di roccia venuti giù il 30 novembre del 2022. Da allora lei ha indetto UN SOLO incontro pubblico.
A causa della sua mancata volontà a informare i cittadini, il Comitato si è dovuto spingere fino a Potenza per cercare di ottenere informazioni che spetterebbe a lei diffondere sia in qualità di primo cittadino che di commissario all’emergenza.
La invitiamo dunque, per l’ennesima volta, a produrre un documento che aggiorni la popolazione sullo stato attuale delle seguenti questioni:
• Assegnazione della gestione dell’impianto di monitoraggio e dei dati da esso prodotti;
• Progettazione, finanziamento e inizio dei lavori del bypass;
• Progettazione, finanziamento e inizio dei lavori della galleria naturale;
• Stato di rendicontazione e tempi di assegnazione dei ristori (disponibili da oltre un anno).
Abbiamo il diritto di sapere quando riaprirà la strada, quando inizieranno i lavori per il bypass e per la galleria naturale e quali saranno i costi.
NON confidiamo più in una sua pronta risposta ma volevamo ricordarle che qui c’è una popolazione che aspetta.
Cordiali saluti e trascorra una serena Pasqua