Protesta dei lavoratori forestali, Cupparo: ‘entro fine anno si arriverà alle 102 giornate lavorative’

POTENZA (ANSA) – “Una bomba sociale, ci troviamo di fronte alla precarietà nella precarietà. Chiediamo un progetto che ridia dignità a questi lavoratori e non andremo via finché non avremo risposte”: lo ha detto il segretario regionale della Basilicata della Uil, Vincenzo Tortorelli, durante il presidio dei lavoratori forestali, da alcune ore davanti la sede della Regione Basilicata, a Potenza.

La protesta, con diverse centinaia di persone, ha creato disagi alla circolazione automobilistica cittadina. 

La manifestazione, indetta dalle segreterie di Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil, di intesa con le segreterie regionali Cgil, Cisl e Uil – hanno sottolineato i sindacati – “è stata annunciata in relazione alla mancate risposte da parte della giunta regionale, dalle richieste dei circa 4.500 lavoratori del settore della forestazione, sull’aumento delle giornate di lavoro e sul ritardo nei pagamenti degli stipendi. Da accordi – hanno aggiunto – infatti, dovevano essere 102 le giornate di lavoro stabilite ma, al momento, sono state solo 85 quelle garantite”.

Il presidio è stato sciolto dopo un incontro con l’assessore regionale alle attività produttive, Franco Cupparo, che ha garantito che entro fine anno si arriverà alle 102 giornate lavorative.