Rossino: ‘auguri di buon lavoro a Pittella, noi saremo attenti e vigili per il bene della nostra comunità’

LAURIA (PZ) – “E’ stata una bella sfida, una bella campagna elettorale anche se il risultato non era quello sperato. A nome mio e a nome della lista, dico grazie a quei 3550 cittadini di Lauria che ci hanno preferiti, che hanno sperato nel cambiamento, nella novità della politica territoriale. Spesso le spartizioni di potere fanno la differenza, ma noi andiamo a testa alta per il risultato da cui è emerso che la formica può anche dare fastidio all’elefante”.

È quanto si legge in una nota diramata da Antonio Rossino, candidato sindaco per la lista Lauria In Comune.

“Ci hanno accusati di aver portato avanti una campagna al vetriolo, una campagna quasi denigratoria nei confronti degli avversari. Abbiamo solo detto la verità: abbiamo detto che temiamo che il ruolo Parlamentare del neo Sindaco possa pregiudicare la sua presenza sul territorio, farlo desistere dall’impegno che ha assunto con i cittadini per dare priorità ad altre cause. Non sarebbe giusto per la comunità e non sarebbe rispettoso nei riguardi di chi lo ha scelto alla guida del paese”, scrive Rossino.


“Non abbiamo fatto grandi proclami, siamo stati veri, onesti con noi e con voi: abbiamo proposto un nuovo modello di Lauria ma non siamo riusciti a farlo comprendere a pieno a tutti. Nonostante tutto però ci siamo presi un ruolo, quello di opposizione, che porteremo avanti nel vostro rispetto e nel migliore dei modi: saremo attenti, vigili, non lasceremo che nemmeno un’azione venga fatta per colpire Lauria ma ci accerteremo che ogni cosa sia adottata nel bene della nostra comunità”, prosegue la nota.


Al neo eletto Gianni Pittella va il nostro augurio di buon lavoro: che sia il Sindaco di tutti, indistintamente, senza se e senza ma. Che sia soprattutto attento ad osservare, a scrutare le necessità di quelle tante fasce deboli che non hanno bisogno di assistenzialismo ma di risoluzione dei loro problemi. E’ da lì che bisogna partire, che bisogna cominciare ad operare se si vuole essere un buon capo. Ai nostri elettori, ancora 3550 grazie”, conclude Rossino.