Sanità, Carlucci (M5s): ‘Fuga dalla Basilicata’

Apprendo con dispiacere, ma purtroppo senza alcuno stupore, delle dimissioni del primario del
reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Melfi, Francesco
Bernasconi.


Il transito delle meteore non è una novità per la nostra bistrattata regione, eppure, questa volta, la mangiatoia deve essersi esaurita prima del previsto: dopo soli sette mesi, il primario
Bernasconi – dopo i fasti e i lustrini della gloriosa accoglienza presso il presidio ospedaliero di
Melfi – prepara le valigie e riparte alla volta della più benevola Brianza, disposto a pagare
persino una multa, pur di fuggire via, lontano dalla Basilicata.


Una riflessione è d’obbligo. Cosa induce un professionista appena divenuto primario ad
abbandonare repentinamente il “proprio”, si fa per dire, ospedale?
Il dott. Bernasconi, come si apprende dai canali stampa, ha denunciato le numerose debolezze


che affliggono il nostro sistema sanitario, lamentando, in aggiunta, una serie di richieste
disattese: pare, infatti, che l’investimento economico promesso dalla Regione a favore del
reparto di ginecologia di Melfi non sia mai avvenuto; che il suddetto reparto viva con soli 4
assistenti che non usufruiscono di riposi, di ferie, né di recuperi; che l’acquisto degli strumenti
richiesti non sia stato compiuto…


Difficile, soggiunge il primario, lavorare in un clima di instabilità come quello che regna
sovrano, ormai da anni, presso l’ospedale di Melfi. Difficile lavorare sotto l’intermittente
mannaia della chiusura del reparto.


Ricordiamo bene la fiducia che era stata riposta nella ripartenza del punto nascita di Melfi, sotto la guida del nuovo primario Bernasconi: l’obiettivo era quello di raggiungere le 500 nascite
all’anno, numero necessario a garantire la sopravvivenza del reparto.


Memorabile l’inaugurazione-farsa di qualche mese fa da parte del sindaco di Melfi, così come le
rassicurazioni dell’amico, oggi consigliere regionale, Marcello Pittella. Come dimenticare
l’amabile conversazione tra i due, in piena campagna elettorale, ai piedi del bellissimo palazzo
vescovile di Melfi. Sorridevano simpaticamente e promettevano futuri radiosi per il presidio
ospedaliero della città federiciana. Mentivano.


Più recenti, invece, sono le dichiarazioni fatte dall’assessore Leone, che annuncia nuove
assunzioni e rafforzamento dei reparti. Ad oggi, non abbiamo assistito a nulla di tutto ciò.
Le promesse di investimento e sostegno economico fatte dalla Regione sono state
puntualmente deluse e, nel giro di sette mesi, la Basilicata si è trasformata da “Terra promessa” in “Terra dei cachi”.


La fuga dalla Basilicata è un film a cui troppo spesso abbiamo assistito e che non smette di
suscitare rabbia. Rabbia per un terra che continua a essere sfruttata, in primis, da chi la governa e che ha scelto di non investire sulle proprie risorse, svendendole al primo offerente.

Il problema è duplice: da un lato, la nostra regione pare non essere minimamente attrattiva né
per coloro che vi nascono, indotti o costretti a cercare migliori opportunità al di là dei nostri
confini, né per coloro che vi arrivano per mettere a disposizione la propria professionalità;
dall’altro, chi approda nella landa lucana per qualche tempo, generalmente, lo fa con il solo
obiettivo di guadagnare qualche scatto di carriera, per poi andare via con il nuovo gallone
appuntato sul petto.


E qui cosa resta, se non la desolazione di una terra in cui non si registra alcuna crescita, né in
termini demografici né in termini economici e culturali? Una regione di passaggio, una regione
priva di appeal, una regione da cui fuggire.
Noi abbiamo scelto di scommettere sulla nostra Basilicata e continuiamo a crederci, con
ostinazione, ma la fiducia non basta: occorrono investimenti significativi e ponderati, a partire
dal sistema sanitario.


Mai come in questi giorni, abbiamo toccato con mano il valore imprescindibile della salute e
della sua cura. Per affrontare queste crisi, tuttavia, non bisogna affidarsi alla fortuna né ai
miracoli, ma investire su una rete ospedaliera virtuosa e robusta, in grado di sostenere tanto la
gestione ordinaria quanto quella straordinaria.
E, invece, continuiamo a perdere pezzi, continuiamo a franare, a inaugurare reparti e a chiuderli il giorno dopo.


Resta tanta amarezza, a cui si aggiunge soltanto la curiosità di assistere alla prossima festante e luccicante inaugurazione, a cui, per rispetto dei cittadini lucani, chiediamo di non essere invitati.


Carmela Carlucci – Movimento 5 Stelle Basilicata Consiglio Regional