Sport e disabilità: contributi per l’acquisto di ausili e protesi sportive

Fanelli: “Impegno massimo sul tema dell’inclusione”

POTENZA – “È con soddisfazione che raggiungiamo un nuovo, grande obiettivo nel mondo della disabilità, attraverso l’approvazione della recente delibera per l’erogazione di contributi economici finalizzati all’acquisto di ausili e protesi per lo svolgimento di attività sportive amatoriali destinati a persone con disabilità fisica”.
Lo rende noto il vicepresidente della Giunta e assessore alla salute e politiche della Persona, Francesco Fanelli.
“Si tratta – prosegue –  di risorse che serviranno a favorire l’accesso alla pratica dell’attività sportiva amatoriale di tutti, nessuno escluso- ha spiegato l’assessore Fanelli- Un altro passo in avanti nel lungo cammino rivoluzionario per il mondo della disabilità in Basilicata, nel quale stiamo creando basi solide di inclusione a tutti i livelli. 

Lo sport – sottolinea Fanelli –  è motore propulsore della socialità e dello spirito di condivisione. Praticare un’attività sportiva consente di sperimentare il vivere sociale contestualmente alla possibilità di scoprire attitudini e capacità. Ed è proprio su questo tema che dobbiamo concentrarci; favorire ed estendere le abilità di ognuno per promuovere la massima inclusione in quanto, la cosiddetta “diversità” costituisce un inestimabile valore aggiunto per tutti. Le risorse – spiega l’assessore – saranno nei prossimi giorni ripartite tra le Aziende Sanitarie di Potenza e Matera, in quanto soggetti gestori dei contributi e provvederanno alla pubblicazione di appositi avvisi pubblici, secondo i quali, il cittadino lucano, qualora possibile beneficiario, potrà presentare domanda secondo le modalità che saranno indicate. Le Aziende Sanitarie istituiranno poi le graduatorie su base ISEE e pubblicheranno in seguito gli esiti per accedere ai contributi. Il tutto sarà svolto seguendo in modo perentorio una programmazione serrata e le scadenze dettate dalla procedura calendarizzata. Stiamo facendo tantissimi passi in avanti in questo universo e questo contributo vuole essere un ulteriore segno di vicinanza, di sostegno specifico che esula dall’assistenzialismo e che si rivolge alla sfera globale della persona in quanto tale e a tutti i diritti che le spettano. Migliorando la qualità della vita delle persone con disabilità, vogliamo promuovere il diritto di tutti ad essere felici, a seguire i propri sogni e a coltivare le proprie passioni, creando opportunità realizzabili. Ci muoviamo sempre di più – conclude Fanelli – verso una Basilicata accessibile ed inclusiva”.