#TellMeRock, 10 Giugno 2004: 17 anni senza Ray Charles e il mito di Georgia On My Mind

EDITORIALE – Questa canzone è così profondamente e indissolubilmente legata alla figura di Ray Charles, al punto che fu cantata da Willie Nelson al funerale di Ray nel giugno 2004, che tutti pensano sia stata scritta da lui. Del resto Charles, venuto purtroppo a mancare proprio il 10 giugno del 2004, era nato in Georgia ad Albany, il 23 settembre 1930, e si era dovuto trasferire in Florida da piccolo.

Invece no, dobbiamo sfatare un mito. Non solo Georgia On My Mind non è stata scritta da Ray Charles, ma non parla nemmeno della Georgia, Stato del Sud degli Stati Uniti.

Fu scritta nell’anno di nascita di Ray, da uno dei più grandi compositori americani di sempre, Hoagy Carmichael, quello di Polvere di Stelle, per capirci.

Hoagy aveva una sorella di nome Georgia per la quale scrisse la musica, dando indicazioni per il testo a Stuart Gorrell, che tuttavia fu astuto da mantenersi sempre in bilico, con versi e immagini che si potevano adattare tanto a una donna che a uno Stato.

Il brano ebbe una popolarità poco più che discreta fino a quando l’autista di Ray Charles suggerì al Genio di cantarla. Ray la considerò una buona idea e il successo fu istantaneo e clamoroso.

Charles incise questa cover di Carmichael nell’album The genius Hits The Road. Il singolo raggiunse la posizione numero Uno della U.S. Billboard Hot 100 nel novembre 1960. Il 7 marzo 1979, come simbolo di riconciliazione dopo i conflitti per l’ottenimento dei diritti civili, Ray Charles cantò Georgia On My Mind davanti all’Assemblea generale della Georgia. Basti pensare che poi la Georgia, dal 24 aprile 1979, l’ha proclamata inno di Stato. (Nonostante non sia riferita a essa).

Come sicuramente saprete, la cantanta italiana Giorgia è stata chiamata così in onore della canzone, quello che forse non sapete è che suo padre le fece credere per molti anni che Ray Charles l’avesse scritta per lei.