#TellMeRock, 2 Aprile 1989: I Guns N ‘Roses di Patience tra sentimenti e hard rock

EDITORIALE – Il 2 aprile del 1989 i Guns N’ Roses pubblicano una canzone sorprendente, malinconica e inusuale per il loro status. Patience, infatti, è una ballad acustica in cui Axl Rose parla di quanto in una relazione d’amore sia necessario aspettare ed avere pazienza.

Il testo è probabilmente dedicato alla difficile relazione tra il cantante Axl Rose e la sua ex moglie Erin Everly, anche se ciò non fu mai affermato nelle interviste. Duff McKagan suggerisce che la canzone sia invece incentrata sugli amori falliti in generale

È l’unico singolo estratto da G’n’R Lies, il secondo album dei Guns N’ Roses che arriva al n.4 in classifica in America. Un cambio di stile e di suono per la band che ha rappresentato al massimo l’estetica dell’hard rock californiano anni ’80, una scena che, come ha detto Slash: «Voleva strappare la musica e le classifiche dalle mani del pop».

Nel 1987 il primo album dei Guns N’ RosesAppetite for Destruction è arrivato al n.1 in classifica (con 30 milioni di copie vendute diventa il debutto più venduto di sempre), e la casa discografica della band vuole subito un altro disco da lanciare sul mercato mentre la band fa il suo primo tour di 16 mesi in Europa e in America, in cui aprono i concerti di Motley CrueAlice CooperIron Maiden e Aerosmith. Un tour in cui come hanno ammesso gli stessi Aerosmith: «Gli opening act diventano più grandi degli headliner». 

Nessuno si aspetta un brano così personale, intimo e interamente suonato in acustico come Patience da una band come i Guns N’ Roses, che vive al massimo la trasgressione rock, suona sempre al massimo del volume, ha lanciato Slash come uno dei migliori chitarristi della sua generazione e allo stesso tempo ha scatenato polemiche con i testi controversi di Axl Rose, accusato spesso di misoginia.

Si dice che Patience con il suono acustico e minimale delle tre chitarre intrecciate di SlashIzzy Stradlin e Duff McKagan, il fischio di Axl Rose e il videoclip (girato da Nigel Dick il giorno di San Valentino a New York) abbia rappresentato una piccola rivoluzione per le band della scena hard rock anni ’80, un cambio di formato rispetto a quello classico delle “power ballad” usato da tutti fino a quel momento.

La “band più pericolosa del mondo” come veniva definita dalla stampa, mostra un lato inedito di sé, dimostra le qualità di autore di Axl Rose e scrive un classico (la versione registrata da Chris Cornell va al numero uno in classifica in America nel 2020). Una session che il produttore Mike Clink ha descritto come: «Uno di quei momenti magici nella storia del rock’n’roll».