#TellMeRock, 21 Ottobre 1973: I Rolling Stones e l’amore tormentato di ‘Angie’

EDITORIALE – Una delle più belle canzoni che ha raccontato la fine di una storia (ma non di un amore), e anche una delle rare canzoni acustiche dei Rolling Stones.

Per anni si è pensato che Angie parlasse della relazione tra Mick Jagger e la moglie di David Bowie, Angela. In realtà parla, direttamente e tra le righe, del rapporto, bellissimo e burrascoso tra Mick e Marianne Faithfull.

In qualunque modo la si guardi, soprattutto nella parte dove Jagger dice “Asciugati gli occhi, non è bello essere ancora vivi? E non possiamo dire di non averci provato”, tutto racconta di quella storia d’amore, droga e disperazione.

Angie, quindi, è un nome di fantasia. Il titolo non fu nemmeno scelto da Jagger, bensì da Keith Richards. Dalla relazione con Anita Pallenberg era nata da poco sua figlia Angela e quel nome si adattava perfettamente alla sequenza degli accordi e all’idea di testo che Jagger stava sviluppando.

Questa canzone, che secondo molti e compreso il sottoscritto, ritengono che ci si dovrebbe portare su un’isola deserta, raggiunse la vetta delle classifiche proprio il 21 ottobre del 1973.