TEMPO DI Crisi. Riflessione di Dodero

Che cosa ha consentito al genere umano di inventare ciò che chiamiamo ‘progresso’? Che cosa ha permesso agli Uomini di trasformare il fuoco ‘naturale’ in fuoco ‘domestico’?
Come è stato possibile?

Due fattori fondamentali.
La PAURA e la CULTURA/POLITICA.

La Paura: il fuoco ‘naturale’ – quello dei fulmini, dei vulcani, degli incendi spontanei – incute terrore. Di fronte ad una foresta che brucia tutti gli esseri viventi, in grado di fuggire, fuggono. L’uomo primitivo non può far altro che fuggire.
La Cultura/Politica: l’uomo è però un animale particolare. È in grado di trasformare il disastro in esperienza da rielaborare e trasmettere e di inventare modi per sfruttare, a proprio vantaggio, anche l’ostacolo.
Il fuoco della civiltà umana. Grazie ad esso gli Uomini sono capaci: di porre un limite alle tenebre, al freddo e alle belve; di cuocere i cibi; di forgiare armi sempre più potenti (le spade, le lance…); di inventare l’agricoltura (la zappa, l’aratro…)…

Il CORONAVIRUS fa parte di questa Storia. Più esattamente: si inserisce in ciò che possiamo definire ANTROPOCENE.
L’ANTROPOCENE non è puramente e semplicemente la cosiddetta Crisi Climatica. È l’era in cui la forza costruttiva/distruttiva dell’Uomo incide nell’equilibrio stesso del sistema Terra. L’era in cui la civiltà umana è in grado, per esempio, di favorire enormemente la propagazione planetaria di un determinato ‘virus’…

Che i ghiacciai si sciolgano: anon ci tocca e non ci spaventa ancora.
Del fatto che un certo virus abbia fatto irruzione nella nostra Italia siamo tutti consapevoli e ci costringe a prenderlo sul serio.

Il fattore PAURA!

OCCORRONO GRANDI RISPOSTE… Certo dalla Politica, ma non solo…

Da ex insegnante mi permetto di auspicare fatti nuovi nella Scuola.

A partire da oggi, 5 marzo, dieci giorni di vuoto nel sistema pubblico dell’Istruzione?

No! E’ il momento di sperimentare: l’Antropocene è anche l’epoca di enormi sviluppi tecnologici. È fondamentale, per il FUTURO, non rassegnarsi a un uso inerte/stupido/ vizioso dei nuovi, formidabili mezzi di comunicazione…. Quello che conta è CREARE, intanto nuovi metodi: in un campo dove, forse, gli studenti hanno molto da dire e da suggerire…