Terza edizione del “Premio Giovanna Pastoressa”, l’appello della madre: “faremo di tutto affinchè non si arrivi a una prescrizione”

Tre le giovani premiate

POTENZA – Sono tre le premiate della terza edizione del prestigioso “Premio Pastoressa”, ideato e realizzato dall’Ordine degli Psicologi della Basilicata, per onorare la memoria della compianta giovane collega, scomparsa prematuramente a Lauria, suo paese d’origine, Giovanna Pastoressa. Si tratta delle dott.sse Amalia Sabia, prima classificata, con la tesi di specializzazione sul tema “Bambini con ADHD. L’applicazione del modello a otto passi di R.A. Barkley”; Gilda Marsicano, seconda, con la tesi di laurea su “Stabilità e cambiamento nella motivazione scolastica: uno studio longitudinale” e terza, Annamaria Sabella con la tesi di laurea dal titolo “Dipendenze comportamentali: relazione tra dipendenza da internet e disturbo ossessivo compulsivo. Uno studio  sperimentale”. A loro sono stati assegnati i seguenti premi: il primo premio con valore di 1000 euro e una targa; il secondo equivalente a 500 euro e una medaglia, il terzo di 300 euro e una medaglia. A tutti i partecipati, che si sono distinti per qualità degli elaborati, è stata donata una medaglia, in ricordo di una giornata dal forte valore simbolico e, contestualmente, perché proprio il ricordo possa moltiplicarsi nelle tante vite che hanno incrociato diversamente quella della Pastoressa: Marta Cirigliano, Jolanda Panella, Michela Mazzeo, Franco Rosario Pietrafesa, Anna Teresa Inglese, Nicola Castelluccio, Luca Fulco, Ilma Pisani, Lorenzo Cristilli, Rosa Carbone, Nora Fortunata Bisceglie, Giuseppe Carlomagno, Maria Angela Borrino, Giuseppe Buldo, Carmen Prete, Federica Romaniello, Maria Giovanna Romano. A loro, il ringraziamento della commissione di Giuria dell’Ordine, che ha rimarcato i criteri di giudizio utilizzati per la valutazione (si è tenuto conto dei primi venti lavori pervenuti in ordine temporale, della aderenza ai contenuti, della fluidità e del rispetto dell’anonimato, per un giudizio quanto più equo), composta dalla presidente, la dott.ssa Luisa Langone, dalla tesoriera, la dott.ssa Lucia Faraone e dal consigliere e promotore dell’evento, il dott. Antonello Chiacchio. Quest’ultimo ha coordinato gli interventi della giornata e ha ricordato quanto sia importante ri-partire dall’azione di una persona e di una collega straordinaria, per proseguire nella costruzione di modelli comunitari e sociali dall’altissimo valore. Nessuno escluso, dunque, proprio come nell’esempio umano e professionale, generato da Giovanna Pastoressa che si è riproposto attraverso le voci, gli sguardi e le numerose testimonianze della famiglia, dei genitori e della sorella, dei tanti amici e colleghi che ne hanno testimoniato il valore e l’amore, in una cerimonia commovente  e densa di riflessione, che è stata ospitata questa mattina nella sede potentina dell’Ordine lucano, e che è stata impreziosita, in questa edizione, dalle performance musicali con i brani amati da Giovanna Pastoressa, a cura del gruppo “Musica per resistere”, con alla voce, Vincenzo Di Lascio, alla chitarra, Federico Ferrari, alle tastiere, Vito Cascelli, alla batteria Giuseppe Iaria. Maria Cristina Mazzilli, madre di Giovanna, accogliendo la partecipazione affettuosa dei convenuti: «Per noi sono anni di vita sospesa, in giro per le aule di tribunale, in attesa che venga riconosciuta la verità. Il disastro si poteva evitare; Giovanna è stata vittima di un sistema scellerato. Siamo consapevoli della complessità del procedimento giudiziario, temiamo la prescrizione, faremo di tutto perché non si arrivi a ciò. Vivere senza Giovanna è doloroso, l’amore infinito e le testimonianze, come quella odierna, ci danno la forza per andare avanti e combattere». La presidente, la dott.ssa Luisa Langone, ha concluso: «Quello odierno è un premio in onore di Giovanna Pastoressa, anima gentile e collega di umanità e competenza totali, che concretamente va ad accompagnare l’ingresso nella professione dei nuovi colleghi. Un modo per far sentire la presenza dell’ordine al loro fianco; non è un caso che in pomeriggio ci sarà il Giuramento dei nuovi iscritti all’Ordine degli Psicologi. Le due iniziative congiunte sono state pensate proprio in questo senso. Per celebrare l’esempio di vita e l’amore di Giovanna per la professione e segnare simbolicamente l’accompagnamento di quanti si avviano sul suo stesso percorso nella psicologia».