Tortora: da lunedì riaprono le scuole, ma il sindaco Iorio denuncia ritardi e smarrimenti di tamponi

TORTORA (CS) – “Si avvisa la cittadinanza che da lunedì 19 aprile tutte le scuole presenti sul territorio, pubbliche e private di ogni ordine e grado riprenderanno le lezioni in presenza”.


La comunicazione è apparsa ieri sera sulla pagina Facebook del Comune di Tortora, generando anche un po’ di perplessità, dato che il centro dell’alto Tirreno cosentino conta ancora 87 casi attivi.

Come ha spiegato il sindaco Antonio Iorio ai colleghi di Infopinione, “il problema è che ci sono ritardi nelle consegne dei risultati dei tamponi, tant’è che ben 40 persone, che avevano effettuato il test 10 giorni fa, dovranno ripeterlo tra lunedì e giovedì prossimo.

“Alcuni sono andati persi – ha detto Iorio – altri sono ancora fermi nei laboratori. I tempi di attesa per il risultato di un tampone dovrebbero essere di due o tre giorni, qui si sta andando oltre. Capiamo i problemi dell’Asp di Cosenza, ma non possiamo chiedere così tanta pazienza alle persone”.

Non va anche dimenticato, che i contatti stretti al momento in quarantena fiduciaria sono meno dei positivi, ma cosa ancor più importante, le persone rimaste tra “quattro mura” stanno scontando più dei canonici 10/14 giorni precauzionali.
C’è chi sta attendendo da un mese di essere “liberato”. E anche questi sono gli effetti del caos che ha coinvolto l’intera provincia di Cosenza, riferiscono in un articolo sempre i colleghi di Infopinione.