Truffa ai danni del San Carlo: sequestrati oltre 500 mila euro

POTENZA (TGR BASILICATA) – Oltre 500 mila euro sequestrati dai Nas di Potenza alla società “Forali’ srl Unipersonale”, con sede legale a Parma: la vicenda è quella dei macchinari per la radioterapia venduti come nuovi all’ospedale San Carlo e poi risultati di seconda mano. Il provvedimento preventivo è stato firmato dal Gip di Potenza. Secondo la procura, che indaga per truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e falsità ideologica, nel 2016 la società fornì al San Carlo un sistema per la radioterapia, l’acceleratore “Clinac IX 4082”. Il prezzo pagato dall’azienda ospedaliera superava i 2 milioni e 200 mila euro. Da contratto e da capitolato di gara doveva essere un’apparecchiatura nuova di fabbrica e di ultima generazione. Peccato che fosse stata già installata in una clinica in Svezia. La somma sequestrata (529.400 euro) è la differenza fra somma pagata dalla Forali’ per acquistare l’acceleratore e quella sborsata dal San Carlo.  

Fra i destinatari del decreto di sequestro -oltre all’attuale rappresentante legale della Forali’, Carlo Quinto Degano – figurano anche l’ex rappresentante legale, l’80enne catanese Ignazio Ali’, e il 49enne Stefano Ali’, già rappresentante della impresa “Ignazio Ali’ ” con sede a Gravina di Catania.