Turismo delle Radici. Al via da Oppido Lucano il ciclo di workshop di Italea Basilicata

OPPIDO LUCANO (PZ) – Prende il via venerdì 28 giugno, da Oppido Lucano, il ciclo di workshop realizzato da Italea Basilicata nell’ambito del progetto Turismo delle Radici voluto dal Ministero per gli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, finanziato dall’Unione Europea e in collaborazione con il Ministero della Cultura.

Italea Basilicata è la declinazione lucana del progetto nazionale di Italea, gestito dalla società Paesi e Radici, vincitore del bando del Maeci per le attività regionali sul turismo delle origini.

Tra le attività da realizzare vi è la valorizzazione, il racconto e la promozione della destinazione Basilicata indirizzata ai lucani nel mondo attraverso alcuni appuntamenti sul territorio in collaborazione con organizzazioni locali, Agenzia di Promozione Territoriale, istituzioni e sistema produttivo per riallacciare il legame con gli italo-discendenti e rinforzare l’offerta turistica a loro destinata.

Primo appuntamento del ciclo, che prende il nome di “Fare radici”, vede protagonista Oppido Lucano in virtù proprio di una antica identità di scambio con il Sudamerica, in particolare con la comunità di Iquique in Cile, con cui la cittadina bradanica è gemellata.

L’appuntamento è per le ore 18.30 al cineteatro Johannes Obadiah e prevede i saluti del sindaco di Oppido Lucano Mirco Evangelista, del presidente della Pro Loco Oppido Luca Mennuni, del consigliere della Provincia di Potenza Rocco Pappalardo e della coordinatrice regionale del progetto Turismo delle Radici per il MAECI Elvira De Giacomo.

All’incontro interverranno Antonio Cervellino, mediatore culturale, Michele Cappiello, presidente Paesi e Radici e responsabile gruppo Italea Basilicata, Vito Marone, autore del libro «Felicia. Cronaca di un viaggio straordinario» e Cristina Amenta, direttore di produzione del progetto Basilicatё. Coordinerà Annalisa Romeo, vicepresidente di Paesi e Radici.

Nell’occasione sarà allestito il laboratorio artigianale «I cesti della memoria» di Rocco Avigliano, con l’obiettivo di realizzare oggetti della tradizione locale da affidare al progetto Basilicatё per le installazioni in programma in varie iniziative all’estero. 

Infine è prevista la partecipazione, in collegamento web dal Cile, di una rappresentanza della comunità di Oppido Lucano a Iquique.

I prossimi appuntamenti del ciclo sono previsti nel mese di luglio a Colobraro e Maratea, per poi definire altre date in programma.