UIL FPL : “La Politica decida in fretta sul futuro del San Carlo”

Dura presa di posizione della UIL FPL sulla questione San Carlo. Questa la nota firmata da Guglielmi e Verrastro

Il San Carlo attende il commissario e, successivamente, previo avviso pubblico, della nomina di un nuovo DG. La politica decida in fretta. Una struttura sanitaria di eccellenza che sta attraversando un periodo molto difficile non può assolutamente rimanere senza una guida. I problemi da affrontare sono tanti: la ripresa delle attività le liste di attesa, la carenza di personale medico infermieristico, tecnico e di supporto in tutti i suoi presidi territoriali. Questi sono problemi che denunciamo da sempre, ma che non hanno ancora trovato una risposta. Ci sarà anche da chiarire la effettiva consistenza del bilancio 2019 poiché non vorremo ritrovarci con un piano di rientro che porterebbe la struttura ancora piú nel baratro. Nessuno può e deve dimenticare le tante lotte fatte in questi anni: dalla stabilizzazione dei precari, alla proroga dei contratti in scadenza, alle tante cause vinte in tribunale contro l’ Azienda e altre ancora pendenti. E’ necessario adesso chiudere la contrattazione decentrata, ferma al palo e pagare al personale la progressione economica orizzontale anno 2019 e programmandone subito un’altra per l’anno 2020. E’ indispensabile liquidare gli incentivi COVID, applicando l’accordo sottoscritto lo scorso 16 Luglio e approvato in Giunta solo la scorsa settimana. Bisogna trasmettere tale accordo con celerità alle Aziende cercando di liquidare questi incentivi il prima possibile. Le nostre azioni di lotta sono state e saranno sempre di merito, per il bene dei lavoratori. Infatti, le nostre battaglie sindacali hanno sempre riguardato il merito e mai le persone. La UIL FPL, pertanto, chiede alla Regione un vero e proprio cambio di passo nell’adozione dei provvedimenti e nella nomina dei vertici del San Carlo per far partire la fase 2,dopo il black out, determinato dalla Pandemia. La scrivente, come sempre, nella distinzione dei ruoli e delle responsabilità, sarà di sostegno a quelli che avranno a cuore l’interesse dei cittadini e degli operatori del San Carlo, mentre si contrapporrà in modo fermo e determinato di fronte all’immobilismo e a scelte che non siano indirizzate alla soluzione dei problemi concreti ed al rilancio del San Carlo.