Un libro per Agata. La sfida di Mastronardi

“Nel 2015 ho avuto un tumore alla mammella. Mamma-single di una bimba di 6 anni, ho provato quel terremoto emotivo che solo chi si ritrova di fronte ad una diagnosi così terribile può capire.” Chi si racconta è Mirna Bruna Mastronardi una Donna dall’incredibile forza umana e con un altruismo e una bontà fuori dal comune.

“L’esperienza del cancro – continua Mirna- mi ha profondamente segnata, ma mi ha anche dato tanto. Come quegli angeli custodi terreni (la mia famiglia, Lucia, Giuseppe…) che mi sono stati accanto e che mi hanno aiutata a superare il dolore, la paura e anche le spese del mio percorso di cura, durante il quale mi sono stati asportati seni ed ovaie.”

Tornata ad una “vita normale” -insieme ad altre donne di Marconia che hanno avuto esperienza (diretta o in quanto familiari di ammalati) con il cancro- ha dato vita, diventandone presidente, all’associazione AGATA – VOLONTARI CONTRO IL CANCRO per “passare il favore che io per prima avevo ricevuto. Per ringraziare di essere ancora qui. Per creare quella rete a sostegno dei malati oncologici, che qui in Basilicata non esisteva quando mi sono ammalata io.”

Dal gennaio 2017 il luogo è diventato reale, “AGATA” ha preso vita, contando sull’entusiasmo e la determinazione delle socie fondatrici e di tutte le amiche e gli amici, oltre ai familiari, che hanno offerto il loro sostegno. Oggi è un contenitore pieno di amore e di idee da mettere al servizio degli ammalati oncologici, degli ex ammalati e delle loro famiglie. Un punto di riferimento, un centro di ascolto, un supporto, un sostegno. Insieme è la parola d’ordine che nonostante le paure e i pianti si combatte e e si tende una mano a tutte coloro che hanno bisogno.

E’ partita una nuova sfida: “raccontare la storia, scrivere un libro in cui riversare paure ed emozioni, lacrime ed amore infinito, raccontare le vite che vanno avanti oltre la paura, raccontare i sorrisi di chi ci è stato strappato via ma è sempre con noi. Raccontare la storia di Agata. Per Agata. La vita oltre la paura.” Questo progetto è in essere con una raccolta in crowdfunding su produzionidalbasso e ad oggi sono stati raccolti circa mille euro.