Vertenza Don Uva, nota congiunta dei sindacati su incontro con l’Assessore Leone

Nota congiunta dei segretari di FP CGIL; CISL FP; UIL FPL; FIALS; UGL; USB; FSI.

Si è tenuta oggi, 30 luglio, la manifestazione unitaria delle sigle sindacali (FP CGIL, CISL FP; UIL FPL; UGL: FSI; USB) a sostegno dei lavoratori dell’ ex Don Uva di Potenza. A seguito della manifestazione, i sindacati sono stati ricevuti dall’assessore regionale alla Salute, Leone.  In merito all’inquadramento del setting assistenziale, l’assessore ha assicurato che la Commissione preposta concluderà rapidamente i lavori, risolvendo il problema del 15% della compartecipazione che sarà coperta integralmente dalla Regione, consentendo così il reintegro dei 25 lavoratori attualmente in cassa integrazione.

Ricordiamo che la struttura  ex Don Uva assicura servizi altamente qualificati e che non possono essere inquadrati come semplice assistenza avendo, peraltro, in cura pazienti  particolarmente problematici e che la Regione non avrebbe la possibilità di collocare altrove. Per quanto concerne il rinnovo del contratto, le organizzazioni sindacali hanno espresso all’assessore Leone tutte le loro preoccupazioni per la volontà manifestata dalla dirigenza di Universo Salute di procedere ad un cambio dell’inquadramento contrattuale, in maniera peggiorativa, e al diniego circa il riconoscimento dei benefici contrattali previsti del contratto della sanità privata.

L’assessore Leone  ha assicurato l’impegno della Regione a corrispondere il 50% previsto dalla Conferenza Stato Regioni per l’incremento contrattuale, e che invierà una nota ad Universo Salute nella quale si specificherà che l’azienda non è autorizzata a nessun cambio contrattuale, in quanto la natura dei servizi assicurati dal polo sanitario “Opera Don Uva” non è cambiata e che gli stessi servizi sono senz’altro inquadrabili all’interno del contratto della sanità privata.