Viabilità della Provincia di Potenza, Merra: “investiti 66,5 milioni”

Un programma strategico che ha anticipato in parte anche le esigenze legate al Giro d’Italia

POTENZA – “In tutto abbiamo programmato e investito per la viabilità della Provincia di Potenza più di 122 mln di euro”. Lo dichiara l’Assessore alle infrastrutture Donatella Merra che ribadisce l’impegno della Giunta per l’ammodernamento, il miglioramento e la sicurezza della viabilità di tutto il territorio regionale, con specifico riferimento all’estesa rete delle infrastrutture provinciali.

“Per l’ultimo programma è stata condotta una chiara e attenta analisi afferente anche alla ripartizione sul territorio delle pur esigue risorse assentite nel recente passato. Una ripartizione segnata da evidenti squilibri territoriali che stiamo rapidamente sanando. Le risorse sono state rese disponibili per l’attuazione già lo scorso autunno a seguito di una trattativa serrata con il Ministero delle infrastrutture; beneficiaria delle risorse è la Regione Basilicata, delegata all’attuazione la Provincia quale ente gestore della viabilità interessata. Stiamo parlando” – prosegue la Merra – “di un programma per l’aumento della resilienza della viabilità provinciale per quasi 11,5 mln di euro finalizzati dunque alla manutenzione ordinaria e straordinaria la cui totale assenza ha segnato definitivamente la qualità della nostra viabilità soprattutto nell’area del Vulture e dell’Alto Bradano. Come più volte sottolineato negli innumerevoli incontri tenuti sul territorio, l’ultimo dei quali anche alla presenza del Presidente della Giunta, continuiamo a confidare nell’operato delle Province e nell’interessamento costante dei Sindaci affinché i lavori vengano affidati nei tempi previsti dalle delibere ministeriali per massimizzare le opportunità offerte dalle stesse”.

“Una programmazione ad hoc è in corso nell’ambito della task force regionale all’uopo istituita per tutte quelle arterie interessate invece da più ampi fenomeni di dissesto idrogeologico. Oltre a questi ultimi, sono stati anche assentiti quasi 55 mln di euro, sempre a valere sul medesimo programma, per l’ampliamento, il completamento e la prosecuzione della SP Oraziana, trasversale strategica per il Vulture e per tutta la Basilicata”, dichiara l’assessora regionale alle infrastrutture.

Previsti tra gli altri interventi sulle strade provinciali: 219, 381, 99, ex SS93 ed ex SS381 queste ultime incluse nel passaggio della 106esima edizione del Giro d’Italia, arterie che interessano tra gli altri i Comuni di San Fele, Ruvo del Monte e Rapone; previsti anche gli interventi finalizzati alla messa in sicurezza e provincializzazione della strada San Fele – Rapone percorsa giornalmente dai turisti che si recano in visita alle cascate. Molte altre le arterie coinvolte tra cui le SSPP 70 e 71 (territorio di Filiano, Atella) 8, 10, 21 delle Murge e altre nel territorio del Vulture, la 169 di Genzano sino alla 104 nel territorio del Pollino.

Dei finanziamenti precedentemente assentiti partiranno a breve anche i lavori, tra gli altri, di completamento della 109 Piano Regio, 48 del basso melfese e 18. Ma non dimentichiamo, altresì, la soluzione dell’annoso problema della Sp 152 Oraziana nel tratto oggetto di frana e della Serrapotina per il cui completamento sono stati assentiti alla fine del 2022 ulteriori quasi 3,5 mln di euro.

“Per la straordinaria opportunità offerta dal Giro d’Italia che percorrerà anche quest’anno le strade lucane è già attivo un Tavolo e siamo pronti ad assicurare l’impegno per le ulteriori risorse che si renderanno necessarie al fine di conseguire in questa edizione l’importante risultato già raccolto l’anno scorso grazie allo sforzo e alla responsabilità di tutti gli attori coinvolti; il consueto restyling dei percorsi lucani attraversati dalla kermesse ciclistica, coincide con una parte degli investimenti già programmati e approvati dalla Regione al fine di sostenere il rinnovamento e l’adeguamento delle strade interessate. Il prossimo Giro d’Italia, commenta la Merra, è l’ennesimo palcoscenico su cui le nostre capacità di governo del territorio saranno sotto i riflettori, insieme ad un paesaggio unico che il mondo ci invidia. Questa è ugualmente un’altra chance da non lasciarsi sfuggire per il rilancio turistico dalla Basilicata in quanto tassello decisivo della complessiva strategia regionale che mette al centro dell’attenzione il virtuoso modello di efficienza e di efficacia costruito negli ultimi anni”.

“Alla Provincia di Potenza e ai Sindaci l’onere e l’onore di essere i virtuosi veri protagonisti nonché attori consapevoli e responsabili di questo complesso processo di rinnovamento che investe tutto il territorio regionale partendo dal sistema delle infrastrutture e passando per la promozione e valorizzazione dello stesso territorio”, conclude l’assessora alle infrastrutture.